Articoli taggati come ‘Dio’

Inizia la settimana Santa. Osanna!

Palme
19 marzo 2016

Dio non è uno che ti manda le disgrazie. Non è un padrone che ti castra e ti impedisce di volare. Non è un despota che ti fa stare buono e zitto sennò ti castiga e allora lavora. Non è uno che brandisce la Legge e aspetta di lapidarti. Ci vuole il deserto e la verità, la fame di senso e la Parola per riuscire ad arrendersi all’evidenza di Dio. Un Dio che lascia crescere i suoi figli, che ha fatto bene ogni cosa e fa piovere sui giusti e gli ingiusti: un Dio che, come un Padre, scruta l’orizzonte […]

Continua

«Lascia il fico per un altro anno»

Fico sterile 5
28 febbraio 2016

La Parola, oggi, ci invita a riflettere su un tema scottante, una domanda che emerge nel cuore di chi, nel proprio percorso, si scontra con qualche difficoltà, più o meno grave. Perché Dio ce l’ha con me? O anche : Cosa ho fatto di male per meritarmi questo? Alzi la mano chi non l’ha mai pensato. La ragione della sofferenza, il senso del dolore, è una delle molle che ha spinto l’uomo a cercare altrove, l’oltre, a pensare a Dio. Perché il dolore sembra contraddire pesantemente il volto di Dio come appare nella Bibbia. Altre visioni della vita e della […]

Continua

Gesù salì su di un alto monte a pregare.

newgesu_che_prega
20 febbraio 2016

I monti sono come indici puntati verso il cielo, verso il mistero di Dio e la sua salvezza, raccontano che la vita è un ascendere silenzioso e tenace verso più luce, più orizzonti, più cielo. Gesù sale per pregare. La preghiera è mettersi in viaggio: destinazione Tabor, un battesimo di luce e di silenzio; destinazione futuro, un futuro più buono; approdo è il cuore di luce di Dio. Mentre pregava il suo volto cambiò di aspetto. Pregare trasforma. Pregare cambia il cuore, tu diventi ciò che contempli, ciò che ascolti, ciò che ami, Colui che preghi: è nel contatto con […]

Continua

Il Nome di Dio è il Misericordioso

Dio Misericordioso
14 gennaio 2016

Oggi iniziamo le catechesi sulla misericordia secondo la prospettiva biblica, così da imparare la misericordia ascoltando quello che Dio stesso ci insegna con la sua Parola. Iniziamo dall’Antico Testamento, che ci prepara e ci conduce alla rivelazione piena di Gesù Cristo, nel quale in modo compiuto si rivela la misericordia del Padre. Nella Sacra Scrittura, il Signore è presentato come “Dio misericordioso”. È questo il suo nome, attraverso cui Egli ci rivela, per così dire, il suo volto e il suo cuore. Egli stesso, come narra il Libro dell’Esodo, rivelandosi a Mosè si autodefinisce così: «Il Signore, Dio misericordioso e pietoso, […]

Continua

La Parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 100
8 ottobre 2015

Penso che chiunque abbia un contatto frequente con le Sacre Scritture convenga con l’autore della Lettera agli Ebrei che la Parola di Dio agisce proprio così nelle nostre vite, se glielo permettiamo. Ci sono tante immagini che la possono raffigurare nella sua azione, ma quella della spada a doppio taglio che penetra nei segreti del cuore umano, venendo a discernere tra i suoi sentimenti e i suoi pensieri, è una di quelle più indovinate. Sempre che il cuore umano si apra alla sua luce; diversamente, questa spada un po’ strana nemmeno si sguaina, non offende, non si impone, lascia sempre […]

Continua

Il cammino della nostra vita

pellegrino
5 agosto 2015

Oggi la liturgia ci propone il tema del cammino della nostra vita. Potremmo raffigurare la nostra vita come una ruota, il cui centro, il cui perno è l’amore di Dio: la regge e la fa girare. La ruota è la storia, luogo di conflitto, non valle serena, perché possa funzionare ci vuole la grazia di Dio, non funziona “di suo”. La storia è basata sulla legge del più forte, la natura funziona secondo le sue leggi, che sono abbastanza spietate (vediamo per esempio i terremoti, gli uragani). Non c’è niente di statico, ma neanche una storia e una natura obbligata […]

Continua

Ci guardi e splendi

deserto
19 marzo 2015

Ci è necessario il deserto. Ci è necessario per ritrovare noi stessi, la nostra anima, per scoprirci credenti. Per ricordarci che siamo uomini, non macchine, né consumatori necessari ad un mostruoso sistema che ci misura dal nostro portafoglio. Il deserto ci è necessario per lasciar uscire da dentro il grido che anela a Dio. Come il cercatore di Dio e cantante Lucio Dalla che, in un mondo politicamente corretto in cui nessuno professa la fede pubblicamente, in cui ci si vergogna di dirsi credenti, osava cantare:  Tra mille mondi te ne vai e splendi  O appeso in croce in un […]

Continua

Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito

Dio Ha Tanto Amato Il Mondo
13 marzo 2015

Rimane il punto dei Vangeli in cui tutto collassa, fino a stordire i sensi, fino allo svenimento delle carni: non ci potrà essere gioia laddove non c’è esagerazione. Come non germoglierà la gioia nella terra dove manca la libertà. Anche Dio – il Dio folle e bambino di Abramo, Isacco e Giacobbe – non si sottrae a questo esagerare per poter amare appieno. Fu confidato a Nicodemo, l’uomo che di notte s’inventò discepolo per andare ad incontrare Cristo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chi crede in lui non vada perduto». Non bastava l’amore: serviva il tanto […]

Continua

La legatura di Isacco

Legatura di Isacco
26 febbraio 2015

Una pagina misteriosa, quella della “legatura di Isacco”, in cui Dio appare come un sanguinario che ordina di uccidere il figlio della promessa ma che, letto con profondità, può svelare ancora una volta il vero volto del Dio di Abramo. Anzitutto questo brano ci dice che il Dio di Israele non vuole sacrifici umani, come era invece consuetudine nei popoli vicini a Israele. Questo racconto esemplare vieta al popolo di Israele di scivolare in una visione sanguinaria della fede. Di più: la Bibbia mette in discussione una visione “sacrificale” e dolorista della fede, ancora troppo diffusa nel cristianesimo. Il sacrificio non […]

Continua

Apparteniamo a Colui di cui siamo immagine

monete Cesare
16 ottobre 2014

Una delle conquiste fondamentali portate dai moderni regimi democratici sta nel fatto che ai cittadini è assicurata la libertà di pensiero e di opinione, con la conseguenza di poter praticare la religione che si vuole. In passato tale libertà era negata, come lo è tuttora in tante parti del mondo: non di rado negata sino alla persecuzione. Di qui la lunga schiera di martiri che ha contrassegnato i secoli e, le cronache lo dimostrano, non si è ancora esaurita. La prima persecuzione religiosa della storia pare sia stata quella subìta dagli ebrei ad opera del re di Siria Antioco IV […]

Continua