Articoli taggati come ‘conversione’

La fede è una scelta.

Figliol-prodigo
5 marzo 2016

Chiedere l’eredità in anticipo, in ogni cultura, significa augurare la morte. Il figlio minore, bramoso di possedere i beni del padre. Se ne va, finalmente libero. Inizia la bella vita, era l’ora. E si accorge di quanto poco dura il denaro. E gli amici. L’euforia è finita. Arriva una carestia, qualcosa di esterno, che non dipende da lui, e ne è travolto. Nella vita, necessariamente, dobbiamo fare i conti con eventi imponderabili, che non dipendono da noi. Si ritrova a pascolare i porci. E patisce la fame. Spesso solo la fame ci porta a ragionare, solo un’esperienza faticosa e drammatica […]

Continua

“Convertirci”: voce del verbo rovesciare!

Gesù nel Tempio rovescia il Mercato
5 marzo 2015

In questa domenica di quaresima risuonano forti le gesta e le parole di Gesù che compie al Tempio di Gerusalemme: rovescia i banchi dei cambiamonete e dice “non fate della casa del Padre mio un mercato!“. Ecco allora l’esigenza che il Signore in questo tempo di quaresima venga a “rovesciare” in qualche modo la nostra fede riscoprendo e ristabilendo una buona relazione con Lui attraverso il suo mistero pasquale! Ecco allora che Gesù in questo vangelo spinge a “rovesciare” la nostra fede, che è l’iniziativa gratuita dell’amore di Dio che libera l’uomo e lo rende capace di bene! L’assoluto della nostra fede […]

Continua

L’ultima intervista del card. Martini sulla Chiesa

Card. Carlo Maria Martini
14 novembre 2014

Come vede lei la situazione della Chiesa?  «La Chiesa è stanca, nell’Europa del benessere e in America. La nostra cultura è invecchiata, le nostre Chiese sono grandi, le nostre case religiose sono vuote e l’apparato burocratico della Chiesa lievita, i nostri riti e i nostri abiti sono pomposi. Queste cose però esprimono quello che noi siamo oggi? (…) Il benessere pesa. Noi ci troviamo lì come il giovane ricco che triste se ne andò via quando Gesù lo chiamò per farlo diventare suo discepolo. Lo so che non possiamo lasciare tutto con facilità. Quanto meno però potremmo cercare uomini che […]

Continua

Il figliol prodigo

Figliol prodigo
12 settembre 2013

“Si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo” – Luca 15,1 Questa famosa parabola del figlio prodigo nel peccare e del padre prodìgio nel perdonare non è tanto la storia di una crisi ma di una conversione. Un uomo spia la strada deserta, è un padre che spera contro ogni speranza, che attende il figlio vagabondo e smarrito. È lui il personaggio centrale della parabola che è la storia di un amore prodigo di misericordia. Appena si profila all’orizzonte la figura del figlio triste e solitario egli corre incontro ad abbracciarlo. Come dicono le sue parole, è una morte che diviene vita, […]

Continua