Articoli taggati come ‘angelo’

E Giuseppe raccontò

giuseppe
24 dicembre 2015

Ricordo bene quella notte, quando l’angelo entrò nel mio sogno. Era l’ora più buia, quando il giorno trascorso è già dimenticato e l’alba nuova è ancora lontana. Io dormivo profondamente e nei miei sogni c’erano tante storie: immagini strane si mischiavano e si inseguivano tra di loro, come spesso accade. Poi, ad un tratto, anche nei miei sogni ci fu silenzio e buio, e apparve un puntino luminoso che diventava sempre più grande, come una lampada di una barca quando si avvicina di notte alla riva. Capii subito che quello non era un sogno come gli altri: quella luce era […]

Continua

Eccomi, sono la serva del Signore

Annunciazione Maria
17 dicembre 2014

Un angelo Maria è stata sfiorata da Dio. Non sappiamo come. Sappiamo che ha avuto la certezza di una teofania, dell’irruzione di Dio nella sua vita. Non è stata un’illusione, ma una reale percezione nell’intimo, una profonda esperienza interiore. No, non fatico a credere che Dio si manifesti nell’anima di chi lo cerca. Che Dio sia altro dalle nostre convinzioni e non credo affatto che la fede sia un sentimento religioso. Ma un incontro reale. Talmente reale da spaventare. Maria, in quel saluto, capisce tre cose: deve rallegrarsi perché Dio l’ha riempita di grazia, perché il Signore è con lei. […]

Continua

E l’angelo si allontanò da lei (Lc 1,28)

Annunciazione
4 dicembre 2013

Se c’è una pagina che nel vangelo ci avvolge, anche letterariamente, più di ogni altra nel mistero questa è proprio la narrazione della annunciazione. Dal volo dell’angelo che sovrasta la Galilea per raggiungere quella donna, alla partenza dell’angelo che ci lascia ammutoliti davanti alla profondità incomprensibile di un consenso totale. Come in un gioco di scatole cinesi il vangelo ci fa trovare davanti all’ultima scatola, la più piccola, la più interna, ancora chiusa: il cuore e il seno di Maria, liberata dalla scatola che la conteneva e che l’angelo apre: l’umiltà della sua serva che il Dio salvatore sta guardando (Cfr. Lc 1,48). Non possiamo non vedere nel racconto di […]

Continua